Stemma
La Famiglia Debidda . . . . .             

               . . . tra Storia e Leggenda
Home
 
La storia
 
Uomini Illustri
 
Dove siamo
 
Albero genealogico
 
News e Links
 
Contatti
 
Informazioni
Uomini Illustri che hannodato lustro alla
Famiglia Debidda
Paolo Molto si distinse nella IV crociata, nel comando di una Galera Veneziana sotto gli ordini del vecchio Errico Dandolo nella presa di Zoara e poscia di Costantinopoli nel 1204.
Antonio Capitano sotto il comando di Ugolino della Gherardesca, prese parte con la spedizione Pisana contro la Spagna nel 1257.
Gianpaolo Fu nel 1283 Capitano della Cavalleria Fiorentina.
Giovanni Fu Podestà di Volterra nel 1288 e nel 1292 divenne Capitano e Gonfaloniere della stessa città e poi della città di Ascoli.
Gennaro Fu Giustiziere di Basilicata, dei Principianti di Capitanata nel secolo XIII secolo.
Gianfrancesco Fu spedito con altri a Firenze nel 1303, onde intervenire a nome della sua città nella pacificazione fra i partiti dei Bianchi  e dei Neri.
Antonio e Giovanni Furono decapitati per essere di fazione Guelfa nel 1309.
Giancarlo Fu fatto Capitano d'armi della città dell'Aquila dalla Regina Giovanna nel 1375, ottenendo poi tale carica per tutto l'Abruzzo.
Andrea Fu Gran Contabile del Regno di Napoli. Morì nel 1382.
Antonio Il 24 Gennaio 1388 intervenne, quale "Jurato de Villa" al trattato di pace tra Eleonora d'Arborea e Giovanni I° d'Aragona.
Andrea Fu tra coloro che nel 1399, furono delegati a consegnare il Governo di Siena nelle mani di Galeazzo Visconte.
Maurizio Fu valoroso Capitano d'Armi, prese parte alla vittoria di Sanluri (CA) nel 1409.
Francesco Gran Giustiziere in tempo di Re Ladislao. Fu fatto prigioniero con il Re ed altri combattenti nella battaglia che ebbe luogo presso San Germano contro Luigi d'Angiò nel 1411.
Giovanni Filosofo e poeta fiorentino nel 1415.
Giulio Prese parte alla battaglia di Macomer (NU) nel 1478.
Antonino Servì con propri cavalli nella guerra d'Otranto contro i Turchi nel1481, con Giacomo Milano, Angelo di Capua, Giovanni Azzia, Antonio Gargano e altri.
Giulio Segnalatosi contro i Mori a Granata nel 1492 e contro i Francesi a Salsas in Catalogna nel 1503.
Andrea Segnalatosi all'assedio del Castello di Monteleone, ebbe vaste terre dal Re D. Alfonso nel XV secolo.
Andrea Nel 1503, da Filippo II Re di Spagna, ottenne il titolo di Conte.
Paolo Capitano d'Armi di Re Alfonso alla spedizione di Napoli il 15 Aprile 1520.
Antonio Fu Notaio del Collegio di Sassari nel 1549.
Carlo Si trovò alla fiera e valorosa battaglia navale combattuta il 15 Luglio 1570 nelle acque fra la Sicilia e Malta, fra quattro Galere di Malta e 19 Vascelli Turchi e Vi rimase ucciso.
Pietro Con grosso numero di Galere Napoletane militò sotto il Comando di D. Giovanni d'Austria alla famosa battaglia di Lepanto nel 1571.
Giovanni Fu comandante di una Galera Pontificia a Lepanto nel 1571.
Efisio Il 31 Luglio 1587 per meriti civili e militari acquisiti da lui, dal padre e dagli Avi fu insignito della Nobiltà Sarda da Filippo II.
Efisio Fu Giudice del Tribunale di Sassari nel 1593 - 1594.
Francesco Fu Giudice del tribunale di Cagliari nel 1631.
Giovanni Fu Segretario e Consigliere di Don Giovanni Alfonso Enriquez, Vicerè di Sicilia nel 1640.
Pietro Prese parte nella difesa di Oristano dai Francesi nel 1642.
Salvatore Fu fatto Cavaliere ereditario e Nobile sardo con Privilegio il 15 Febbraio 1643.
Antonio Nato in Cagliari, fu Dottore in Legge nel 1648.
Andrea Fu Senatore di Sassari nel 1657.
Antonio Fu Cavaliere di S. Stefano nel 1690.
Andrea Esercitò con successo la professione di Avvocato. Scelse fra le ragazze di sua conoscenza la N.D. Virginia Caracciolo che gli diede Pietro, Antonio e Maria nel XVII secolo.
Giovanni Fu partigiano di Filippo V, segnalatosi per valore e fede alla causa di Spagna 1708 - 1710.
Antonio Con Decreto Reale rilasciato il 15 Gennaio 1708 dalla Regina Casimira ottenne la conferma del titolo di Conte sul cognome.
Pietro Fu Pretore di Bologna nel 1715 - 1716.
Andrea Prese parte alla battaglia di Camposanto (MO) nel 1743.
Andria Fu Governatore dell'Ordine di S. Gennaro e Gentiluomo di Camera nel 1772.
Pietro Fu aiutante del Vicerè Cav. D. Giacomo Pes i Villamarina nel 1803.
Andrea Fu Gentiluomo di Camera con esercizio del Re Ferdinando IV di Borbone, che nel 1806 seguì in Sicilia.
Giovanni Figlio di Antonio. Fu Capitano della Marina, prese valorosa parte alle guerre del risorgimento nel 1848 - 66.
Andrea Seguì Garibaldi ad Aspromonte nel 1862.
Giovanni Maria Grosso proprietario terriero, si distinse, in Gallura, come uomo di parola.
Andrea Nato nel 1875 a Luogosanto e spentosi nel 1979 all'età di 104 anni ad Aglientu in provincia di Sassari .
Figlio di Giovanni Maria.
Antonio Nato nel 1924 a Luogosanto figlio di Andrea si è spento a Sassari il 2.1.2012
all'età di 86 anni.
Fu un uomo con una grande
integrità morale.
2014 Massimo Debidda. Tutti i diritti riservati.